Le attività motorie proposte a Volontà di Vivere rientrano nel piano di riabilitazione fisica del malato oncologico, con particolare attenzione alle donne operate al seno, ma non solo. Le attività si svolgono in gruppo con insegnanti preparate e attente alle problematiche individuali di ogni paziente e nel rispetto delle recenti norma anti-Covid 19.

Proprio in un’ottica di inclusività, sia la ginnastica dolce che lo yoga possono essere seguite anche a distanza tramite la piattaforma digitale, per venire incontro a quei pazienti che a causa del deficit immunitario causato dalle terapie, non possono recarsi in sede.

Durante l’anno vengono organizzati sporadicamente incontri dedicati al Thai Chi, al Nordic Walking, alla Meditazione e al Mindfulness.

Praticare attività fisica moderata e compatibile con lo stato di salute è importante anche in chi sta facendo un trattamento attivo oncologico, con effetti positivi sia a livello psicologico che fisiologico.
Diversi studi clinici hanno dimostrato che uno stile di vita sano e fisicamente attivo aiuta a ridurre molti effetti collaterali delle terapie antitumorali. Inoltre, le persone che si sono mantenute fisicamente attive presentano un minor rischio di recidive e un aumento della sopravvivenza rispetto a quelle inattive.
Marta Mion, oncologa
(Notiziario numero 93)

Yoga

L’Associazione ha intrapreso il cammino dello yoga perché è un’ottima tecnica di rilassamento, efficace per rimuovere tensioni che si sono accumulate nelle diverse parti dell’organismo. Queste tensioni possono avere origine fisica o mentale, emergono normalmente durante l’esecuzione degli esercizi sotto forma di blocchi che ostruiscono il flusso dell’energia e la loro rimozione produce una rigenerazione organica e uno stato di benessere. L’obiettivo di unificare il corpo, il respiro e la mente, che di solito funzionano indipendentemente l’uno dall’altro, ci conduce a migliorare la qualità delle nostre azioni, conoscere noi stessi e provare un senso di pace.
Oltre a migliorare la forza e il movimento, riduce lo stress, aiuta a dormire meglio e diminuisce la densità di grasso corporeo. Di conseguenza, si può dire che sia un valido alleato per ridurre il rischio di recidiva del cancro, e per supportare le persone durante le terapie oncologiche.

Lezione dopo lezione ho capito che lo yoga è uno strumento meraviglioso e un sentiero di saggezza da percorrere con il corpo e con la mente e mi si è aperta una finestra su un mondo sconosciuto. Dopo qualche mese di frequenza ero già più rilassata, più serena, più consapevole, ma soprattutto più capace di prendermi cura di me stessa. Lo yoga fa bene, ti aiuta, ti risolleva, ti accompagna, ti rinforza, perché ha a cuore il benessere della persona.
(Una praticante)

L’insegnante di yoga è Lili Vucic

Questa disciplina insegna ad amarsi e rispettarsi per quello che si è e si lascia andare alla compassione per se stessi, una forma di amore non giudicante che ci aiuta ad entrare in connessione con la parte ferita e irriconoscibile di noi.
Lili Vucic

Ginnastica dolce

La ginnastica dolce di gruppo è un servizio dedicato alle neo-operate al seno e a coloro che si trovano in difficoltà nel normale decorso di recupero della mobilità e funzionalità del braccio, per rafforzare la muscolatura nei punti in cui è più carente e per conferire una maggiore scioltezza nelle zone più rigide.
Si tratta di una pratica utile a rimuovere subito i blocchi causati dagli interventi che, se trascurati, fanno assumere posture sbagliate. Infatti, dopo l’intervento al seno, molto spesso le donne tendono ad assumere una posizione errata del corpo.
Questa attività motoria di gruppo rappresenta anche un’importante opportunità di socializzazione. Sentirsi bene a livello fisico aiuta a raggiungere una maggiore consapevolezza che porta, a sua volta, ad una serenità d’animo.

Frequentare la ginnastica, oltre a farmi bene per la mobilizzazione del braccio, mi è utile perché sono entrata in contatto con persone che stanno facendo il mio stesso percorso ed è positivo potermi confrontare con chi ha i miei stessi problemi, sentire come li ha risolti o come li sta superando
(Una praticante)

L’insegnante di ginnastica dolce è Laura Pegoraro

In questi anni ho sempre sentito un’energia positiva data da tutte le partecipanti ed io non posso che ringraziare per avermi dato tanto dal punto di vista umano, nonché professionale.
Laura Pegoraro

Approfondimenti